Carie

Tra le varie patologie odontoiatriche, la carie è senza dubbio quella che investe la dentatura con maggior incidenza, aggredendo anzitutto la superficie esterna, per poi spingersi verso la parte interna del dente, scavandolo in profondità. Nel momento in cui si palesa la sintomatologia dolorosa, nota come pulpite, il fenomeno carioso ha già attaccato sensibilmente il cuore dell’elemento dentale.

Trattamento della carie

Il nostro trattamento terapeutico prevede inizialmente la desensibilizzazione della  superficie coinvolta, mediante l’utilizzo di una pomata anestetica. Questa procedura totalmente indolore precede la somministrazione dell’anestetico locale, che a seconda dei casi e delle condizioni, può essere applicato con una sedazione di tipo farmacologico o con sedazione cosciente operata per mezzo del protossido d’azoto. Entrambe le tecniche consentono a tutti i pazienti, soprattutto a quelli più ansiosi o affetti da vera e propria odontofobia, di sottoporsi al trattamento con serenità, anche laddove necessiti di più sedute o dell’intervento di uno specialista in anestesia e rianimazione.